Cerca qui:
 

Pianificare una Supply Chain di prodotti altamente personalizzati

Oltre il 90% dei motori elettrici di Lafert è personalizzata e pertanto richiede una pianificazione particolarmente flessibile

L'azienda

Il Gruppo Lafert è leader in Europa nella progettazione e produzione di motori elettrici e azionamenti customizzati per l’impiego industriale, in particolare nei settori dell’automazione Industriale, del risparmio energetico e delle energie rinnovabili. Il Gruppo è fortemente orientato all’innovazione tecnologica, all’alto rendimento e alla customizzazione del prodotto per soddisfare le esigenze del cliente, puntando a migliorare le performance e a ridurre l’impatto ambientale. Nata nel 1962, oggi Lafert è caratterizzata per oltre il 90% da una produzione di tipo non standard.

 

La sfida

La pianificazione veniva effettuata estraendo i dati contenuti nell’ERP e rielaborandoli; per calcolare la capacità produttiva veniva utilizzato il metodo “pezzi-giorno” e dunque una valutazione sommaria dell’effettiva capacità di produzione media del reparto. In un contesto come quello caratterizzato da un’alta variabilità e da molti codici customizzati, in cui i tempi ciclo variano anche enormemente da un pezzo ad un altro, il metodo precedente non poteva soddisfare le esigenze di Lafert.

 

Risultati

Grazie a CyberPlan Lafert è stata in grado di abbandonare il metodo “pezzi/giorno” basando il calcolo sulle ore effettive necessarie alla produzione dei pezzi. Un ruolo importante per le sfide di Lafert lo ha avuto la possibilità offerta da CyberPlan di calcolare la capacità di produzione con la cosiddetta capacità finita.

A solo un anno di distanza, Lafert ha visto un netto miglioramento delle delivery performance. Il livello di servizio è migliorato del 15% a livello complessivo. Nei reparti in cui è stato implementato CyberPlan, sia a livello di pianificazione che di schedulazione fine, i tempi di pianificazione si sono ridotti in media del 30%.

Inoltre c’è stato anche un miglioramento in termini di fruibilità dell’informazione. Questo sia all”interno di Lafert, che nei confronti dei conto lavoristi.

 

Maggiori informazioni

Leggi il caso completo "Pianificare prima e meglio, come Lafert"

 

Dicono di noi

Oggi possiamo verificare a medio – lungo termine quelle che possono essere criticità di assetto di fabbrica e di reparto prevedendo se sia necessario aumentare la capacità produttiva piuttosto che gestire quella attuale in maniera differente

Davide Mestre
Davide Mestre
Responsabile della pianificazione

Case studies collegate

Otlav

 

Settori: Metalmeccanico

Strategie: MTS

Integrazioni: Altro

 

Brawo

 

Settori: Metalmeccanico

Integrazioni: JDE

 

IFI

 

Settori: Metalmeccanico, Elettromeccanica

Strategie: MTO, MTS

Integrazioni: SAP

 

Hai bisogno di maggior informazioni?
Entra in contatto con il nostro team

 

Casi di studio

LTC – La Triveneta Cavi
Silca – Dal processo di S&OP alla schedulazione della produzione
Vimar – Pianificazione e schedulazione della produzione
Pietro Fiorentini – Pianificazione e schedulazione della produzione
ABB
Palazzetti